-20%** con codice TUTTO20
Una selezione tutta da scoprire
-10%
Una selezione tutta da scoprire
Una selezione tutta da scoprire
Assaggia le tante anime di Tenuta Baron
Acquista ora

Vino italiano - Il piacere mediterraneo

L'Italia è il maggior produttore di vino a livello mondiale, con quasi 50 milioni di ettolitri prodotti su quasi 700 mila ettari. Il 44% di questo è esportato in tutto il mondo. Sia il vino rosso italiano che il vino bianco italiano sono molto conosciuti sul mercato internazionale. 
Si produce circa il 60% del vino rosso italiano e circa il 40% del vino bianco italiano. I vitigni più importanti includono grandi nomi internazionali come il Cabernet Sauvignon, lo Chardonnay e il Merlot, oltre ai vitigni autoctoni italiani BarberaMontepulcianoNebbioloSangioveseVerdicchioTrebbiano e molti altri. In totale, in tutta Italia si coltivano circa 500 vitigni diversi. Per saperne di più

La viticoltura esiste in Italia da oltre 3.000 anni. È stata diffusa dai Greci e successivamente dai Romani. Le condizioni geografiche e climatiche ottimali hanno sempre favorito la viticoltura. Il clima è plasmato dal Mar Mediterraneo, ma anche dagli influssi dei grandi laghi come il Lago di Garda, e dalle Alpi e dagli Appennini. Ogni regione ha il proprio clima e microclimi differenti, questo fa sì che si possano produrre vini di qualsiasi tipo. 

La classificazione dei vini consiste nel mettere insieme una serie di regole imposte da un "Disciplinare" che stabilisce quali vitigni e in che proporzione possono essere utilizzati per produrre un determinato vino. Parte fondamentale è costituita dal territorio, che determina le zone di produzione più vocate, e le regole di produzione delle uve.

I vini italiani si suddividono in 4 categorie: Vini da Tavola, Vini I.G.T., Vini D.O.C. e Vini D.O.C.G.

⇒ Vini da Tavola. Sono vini che non hanno alcuna indicazione geografica e in tal senso possono essere prodotti anche con uve prodotte in zone di produzione diverse. Ovviamente, essendo privi di una chiara identità, rientrano nella genericità produttiva che, tuttavia, non è sinonimo di bassa qualità. In etichetta non è possibile indicare i vitigni con i quali sono prodotti, né tantomeno l'annata. Possono essere immessi al consumo sfusi, in damigiane o in vari tipi di contenitori. 

⇒ Vini I.G.T. "Indicazione Geografica Tipica". Sono vini caratterizzati dall'indicazione geografica dell'area produttiva e devono essere ottenuti da uve raccolte nella zona menzionata per almeno l'85%. In etichetta i vitigni possono essere menzionati ma non è obbligatorio. Possono essere immessi al consumo sfusi o in damigiana. 

⇒ Vini D.O.C. "Denominazione di Origine Controllata". Sono vini prodotti in Vigneti iscritti all'albo di una zona ben definita e, in tal senso, è stabilita una resa di produzione per ettaro, i vitigni impiegati, il grado alcolico e l'affinamento. Prima di essere messo in commercio, un Vino DOC deve essere sottoposto ad un'analisi chimico-fisica e ad un esame organolettico esperto dalle Camere di Commercio. In genere vengono confezionati in bottiglia, ma possono essere venduti anche sfusi o in damigiane. 

⇒ Vini D.O.C.G. "Denominazione di Origine Controllata e Garantita". Sono Vini di Qualità Superiore rispetto ai Vini D.O.C., in quanto sottoposti a rigidi disciplinari. Prima dell'imbottigliamento vengono sottoposti ad un'analisi chimico-fisica e ad una degustazione. Successivamente, sulle bottiglie, potranno essere apposte delle "fascette" di Stato in carta, applicate sul collo delle bottiglie o sul tappo. Un vino potrà essere riconosciuto D.O.C.G. solo dopo aver ottenuto almeno per 5 anni consecutivi il riconoscimento di vino D.O.C. 


Travino FAQ Italia 


Quali sono i vini italiani più famosi?

I vini rossi italiani più famosi sono: il Barolo, il Brunello di Montalcino, il Chianti, l'Amarone della Valpolicella, il Lambrusco, i vini di Bolgheri e l'Etna Rosso. Mentre i vini bianchi più famosi sono il Pinot Grigio delle Venezie, il Lugana, il Verdicchio (di Matelica e dei Castelli di Jesi), i bianchi del Collio e l'Etna Bianco. Non dimentichiamo gli spumanti come il Prosecco, il Franciacorta e il Trento Doc. 

Quante sono le regioni vinicole italiane?

Tutte e 20 le regioni italiane producono vino e ogni regione ha le proprie denominazioni. La regione che produce più vino è il Veneto

Quanti vitigni ci sono in Italia? In Italia vengono coltivati circa 500 vitigni diversi. 

Quanti ettari di vigneti ha l'Italia? L'Italia ha circa 700.000 ettari di vigneti. Ci sono 20 regioni vitivinicole che producono oltre 40 milioni di ettolitri di vino. 

Cosa significa DOCG/DOC per i vini?

DOC significa "Denominazione di Origine Controllata", DOCG significa "Denominazione di Origine Controllata e Garantita". Ciò significa che il vino ha una denominazione di origine protetta ed è stato prodotto con controlli di qualità più severi nelle aree di raccolta, vinificazione e imbottigliamento. I requisiti dei vini DOCG sono ancora più severi di quelli dei vini DOC."

Testimonial
Buona scelta di vari tipi di vino di qualità. Prezzi congrui. Consegna effettuata in maniera celere e servizio clienti presente e cortese

Raffaele Cliente TRAVINO

Testimonial
Mi sono servito di Travino per regalare bottiglie di vino Magliocco a un mio amico che le ha molto apprezzate

Giovanni Cliente TRAVINO

Testimonial
Prima esperienza; ottimi presupposti per ulteriori ordini.

Eugenio Cliente TRAVINO