-20%** con codice TUTTO20
Un'isola ricca di tesori
-33%
Un'isola ricca di tesori
Un'isola ricca di tesori
Scopri la Sardegna con la promozione di Montespada
Acquista ora

Sardegna: un melting pot culturale e vitivinicolo 

L’eterogeneo territorio sardo, delineato da 1.800 km di costa, è composto per due terzi da territorio collinare; mentre la rimanente parte è equamente suddivisa tra montagna e pianura. La complessità sarda si riscontra anche nei diversi vitigni coltivati sull’isola.  Per saperne di più


Convivono nella regione vitigni internazionali e vitigni autoctoni legati ad alcune località come la Malvasia di Bosa e la Vernaccia di Oristano. Questo ricco patrimonio enografico è dovuto principalmente alle numerose civiltà che si sono susseguite nel corso dei secoli. 

Recenti ricerche archeologiche hanno confermato che la vite e il vino sono presenti in Sardegna da circa 5.000 anni. Le prime tracce tangibili risalgono all’epoca dell’invasione fenicia; la storia della viticoltura regionale ha fortemente risentito nel corso dei secoli delle tradizioni e delle culture di diversi popoli, come i Cartaginesi, i Romani, gli Arabi e gli Aragonesi. Difatti alcune tra le più importanti varietà coltivate sull’isola sono il Cannonau e il Carignano, sorelle gemelle delle spagnole Garnacha (Grenache) e Carignan; introdotte nel XV° secolo dal popolo iberico. Ad oggi sul territorio si contano circa 16.500 ettari, i quali producono 684.000 ettolitri di vino.

Si può ritrovare nel territorio sardo tre principali zone di produzione, che sono quelle del Vermentino di Gallura (unico vino DOCG della regione), del Cannonau di Sardegna e della Vernaccia di Oristano. Il Vermentino è per distacco il vino bianco più famoso della regione; esso viene prodotto principalmente in Gallura, dove risaltano maggiormente i suoi aromi varietali, come l’inconfondibile profumo ammandorlato. La Vernaccia di Oristano è invece tra i vini più antichi di Sardegna, la cui produzione segue ancora antichi metodi tradizionali che rendono questo vino simile allo Sherry spagnolo. gli altri principali vitigni bianchi della regione sono: la Malvasia Bianca, il Nasco , il Semidano e la Malvasia di Sardegna. 

Il Cannonau di Sardegna è invece il principe indiscusso tra i vitigni a bacca nera della regione. Vino di indiscussa struttura e dal colore rosso rubino riporta intense note floreali come rosa e viola e di frutti rossi come mirto e prugna. Tra gli altri vitigni a bacca nera si ricordano: il Carignano, il Caddiu e vitigni internazionali come MontepulcianoSangiovese Barbera

Il clima sull’isola non può che essere influenzato dal Mediterraneo che la circonda, che mitiga gli inverni e rende le estati calde e poco piovose. Nelle valli più interne, dove vallate e altopiani la fanno da padroni, ritroviamo un clima temperato che determina forti escursioni termiche giornaliere e stagionali, donando alle uve un grande vantaggio dal punto di vista strutturale e aromatico. Nonostante i quasi 2000 km di costa inducano ad immaginare una regione con una cucina esclusivamente legata alla fauna ittica; sono invece l’agricoltura e la pastorizia i settori produttivi che stanno alla base della strepitosa cucina sarda. I tradizionali maialetto, capretto e agnello sardi si abbinano perfettamente ad un corposo Cannonau. I tanti formaggi a base di latte ovino, come il Pecorino ed il Fiore Sardo sono ottimi da affiancare ad un Vermentino di Gallura. Non si può poi lasciare la Sardegna senza aver accompagnato ad un piatto di spaghetti con la bottarga, un calice dell’identitaria Vernaccia di Oristano. 


Travino FAQ - le domande più frequenti sulla Sardegna


Quanti ettari di vigneti ha la Sardegna?

La Sardegna ha una superficie vitata di circa 16.500 ettari vitati 

Quali sono i vitigni coltivati in Sardegna? 

I vitigni più importanti della Sardegna sono il Cannonau, il Vermentino e la Vernaccia.

Cosa significa DOC/DOCG per i vini? 

I vini DOC "Denominazione di Origine Controllata", sono prodotti in una zona geografica ben precisa e devono rispondere a chiare caratteristiche fissate all’interno dei disciplinari. Quest’ultimo stabilisce i criteri legati a produzione, raccolta, vinificazione e imbottigliamento. I disciplinari DOCG ( Denominazione di Origine Controllata e Garantita) sottopongono i vini a criteri più rigidi. Solitamente questo riconoscimento viene attribuito esclusivamente ai vini DOC di particolare pregio. 

Com'è il clima in Sardegna? 

Il Clima sull’isola è prettamente mediterraneo sulle coste, e temperato nelle vallate e gli altopiani interni. 

Testimonial
Buona scelta di vari tipi di vino di qualità. Prezzi congrui. Consegna effettuata in maniera celere e servizio clienti presente e cortese

Raffaele Cliente TRAVINO

Testimonial
Mi sono servito di Travino per regalare bottiglie di vino Magliocco a un mio amico che le ha molto apprezzate

Giovanni Cliente TRAVINO

Testimonial
Prima esperienza; ottimi presupposti per ulteriori ordini.

Eugenio Cliente TRAVINO